10 maggio 2018 | Una poesia di Adele Scalabrin “Vogar”.


Adele Scalabrin in barca…

Pubblichiamo una poesia di Adele Scalabrin che speriamo prossimamente di poter intervistare e parlare di lei.

 

 

 

VOGAR

 

” Che beo che ze vogar, vardarse intorno e assarse andar! Da soi o in compagnia e sentir l’acqua sotto ea barca che scorre via! El panorama no ga confronti sia in laguna, per i canai o passar soto i ponti. Ze beo vogar col sol dove ti vedi i brianti speciai sull’acqua come diamanti o col caigo dove e isoette e par sospese come nuvoette. Ti resti a bocca verta se po ‘ ti incontri qualche cigno, o ea gazzetta e i ciuffeti che fa capolino. Perfin el cavalier d’Italia l’altro giorno go incontra ‘ che co e so sate e el beco longo el me ga incanta ‘. Un venessian che no sa vogar no sa cossa che el perde de ammirar !”

 

Adele Scalabrin, Venezia

I commenti sono stati disattivati.